Lu Pasticciottu

Lu Pasticciottu

Alla sublime e insuperabile arte pasticciera di Andrea Ascalone dedico questi versi.

LOREDANA VIOLA 24/06/2009


LU PASTICCIOTTU

IL PASTICCIOTTO

 

‘Nnnanzi alla Chiesa Mathre, mogiu mogiu, | vicino la Chiesa Madre, lento lento

sta mme ne scìa a lla via de l’orulogiu, | andavo verso la via dell’orologio

pensandu ca nù sbaja de sicuru | pensando che non sbaglia di sicuro

ci dice ca la vita ede ‘nu pisaturu, | chi dice che la vita è un peso

e ragiunandu su lli mali de la terra, | e ragionando sui mali della terra

‘ntisi ‘na ndore ca te menava a nterra!!! | sentii un’odore che mi buttave a terra

Cusì puru se stava sprittu e scunsulatu, | e pure che stavo triste e sconsolato

tuttu de paru me ‘ntisi rianimatu | di colpo mi sentii rianimato

de ‘nu richimu comu nu cantu de sirene, | da un richiamo come canto di sirene

ca quandu te pija, ciuvieddhri te tene! | che nessuno riesce a fermare

Pensieri, cambiali, spariscunu de bottu | pensieri e cambiali spariscono di botto

se tieni a mmanu ‘nu pasticciottu! | se in mano hai un pasticciotto

Perfetta la forma, precisa la cottura | perfetta la forma, precisa la cottura

pare comu ‘nu quathru a pittura! | sembra come un quadro dipinto

Lu pasticciottu ede ‘nu dolce speciale | Il pasticciotto è un dolce speciale

ca dopu seculi è rimastu tale e quale. | che dopo secoli è rimasto tale e quale

De Galatina ede la specialità, | di Galatina è la specialità

ede lu simbulu de ‘sta città!!! | è il simbolo di questa città

Fazza Ddiu se la vita ede china de quài, | faccia Dio se la vita è piena di guai

ma menu male ca simu nati qquai! | ma meno male che siamo nati qui

Quandu mozzachi la crema, a llimprovvisu, | quando mordi la crema all’improvviso

de bellu bbonu te senti a nparadisu, | di colpo ti senti in paradiso

ddhra dolcezza ti scinde inthru a llu core | quella dolcezza ti scende nel cuore

comu ‘na dolce serenata d’amore… | come una dolce serenata d’amore

Ringrazi Diu e dici: “Cusì sia, | ringrazi Dio e dici così sia

m’aggiu menatu nbucca ‘na poesia!!!” | ho messo in bocca una poesia

E te senti appagatu, percè | e ti senti appagato perchè

ede propiu lu vuccone de ‘nu rrè! | è proprio un boccone da re

Infatti, puru lu re Ferdinandu, | infatti pure re Ferdinando

ca de lu Regnu tenìa lu cumandu | che del regno aveva il comando

quandu a nbucca se sentìa l’aqualina, | quando aveva l’acquolina in bocca

mandava ‘na carrozza a Galatina, | mandava una carrozza a Galatina

ca facìa lu caricu de pasticciotti e torte | per fare carico di pasticciotti e torte

pè soddisfare tutta la corte, | per soddisfare tutta la corte

percè lu rrè e li nobili spilusi | perchè il re e i nobili golosi

cu ‘sti dolci si llicavanu li musi!!! | con questi dolci si leccavano le labbra

Naah, quarda bbidi, tegnu stù dilemma: | ecco, adesso ho questo dilemma

forse era bbonu cu sse vìscia sullu stemma | sarebbe bene se si vedesse sullo stemma

la cuccuvascia ca recita ‘stu mottu: | la civetta che recita questo motto

“Quistu ede lu regnu de lu pasticciottu” | questo è il paese del pasticciotto

 

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Translate »